Centro Naturalista Italiano

 

PANAKEIA

 

Eterno presente

                                                                                                                               sparafucile

 

 

 

PUNTI DI VISTA

 

 

 

 

Schifato dai programmi televisivi, ho portato una sedia sul terrazzo, per gustarmi almeno il tramonto comodamente seduto; una cosa attrae il mio sguardo, un acrobatico ragno a testa in giù, percorre con disinvoltura tutto il percorso di un lungo filo; la performance mi incuriosisce non poco.  Il piccolo acrobata, di un grigio lattiginoso, alla luce che si stempera, non da l’impressi­one di effettuare uno spettacolo fuori del comune, sa fare-anche di meglio, come tendere un filo da una parete all’altra, pensateci un po’, comunque sia, prestazioni notevolmente superiori dal lato spettacolare, a quello che offre in certe ore del giorno, mamma rai.

 

Immediatamente, decido di osservare, se non proprio a testa in giù, per il tempo che mi godo da questo osservatorio, le sensazioni che percepisco immaginando il mondo da altre angolazioni.

 

Vedere le cose-a-testa in giù, come riescono-a-fare-molti insetti; guardare dall’alto come fanno i piccioni viaggiatori, maestri nell’orientament­o, contando solo su due ali di fragili penne.

 

Spezzo gli steccati, mi libero della gravità che mi lega al suolo, per apprezzare nuove sensazioni.   All’uomo, il grande spirito ha donato la fantasia e con questa possiamo diventare viaggiatori, anche standocene comodamente seduti in poltrona.

 

Una piccola cosa, come appunto il numero dell’equilibrism­o, può spostare il pensiero per altri sentieri e allora via innalzo la mia aurea sopra il mondo decido, infine di decollare sul tetto del mondo Himalaya o forse il Tibet, cerco il fanciullo Gange, lontano dal frastuono che il fiume sacro incontra lungo il suo percorso, l’aria è pura l’acqua cristallina, si scuote e rumoreggia tra i massi, lontano dalla plastica, dallo stress, dai titoli bancari, a piedi nudi, sull’erba mi siedo com­penetrandomi o meglio reincarnandomi, momentaneamente nei panni di un mistico indù in posizione yoga, perfettamente in sintonia con l’ambiente e le sue creature.

 

Dopo questa felice sensazione, rientro nel mio mondo, ma continuando il viaggio della mia vita e sui suoi aspetti.

 

Oggi, per chiunque viaggia ci sono viaggi per tutti i gusti e per tutte le tasche, a me sembra però che tutto questo nasconda una sottile inquietudine. Viaggiare. In realtà ci spostiamo, i viaggi erano quelli di Marco Polo a dorso di mulo, o dei pellegrini che mettevano a repentaglio la vita attesi dai briganti. Oggi aerei, treni, vetture ci trasportano più o meno come bauli, il viaggio nel puro senso del termine, non esiste quasi più. Una delle prime volte, che sentii parlare di viaggi, fu alla lettura del libro di Collodi, quella partenza alla mezzanotte di-Lucignolo e Pinocchio su un carro trainato da dodici coppie di somarelli in fila indiana, i quali calzavano stivaletti di cuoio, mi è rimasta incisa nella memoria; è storia dell’uomo, partire e ripartire, scavalcare ostacoli, viottoli sassosi, pareti che ti costringono ad inerpicarsi trovandosi magari a testa in giù, come il piccolo ragno dell’inizio, anche se quello sapeva dove era diretto, come lo sapevano i-due amici del racconto di Collodi, cha andavano nel paese dei balocchi, dove probabilmente re e regine Colombina ed altri eroi delle favole, avevano già trovato ospitalità. Oggi abbiamo il superfluo, ma non abbiamo più lo spensierato paese dei balocchi dove rifugiarsi in certi frangenti e non mi meraviglia il fatto che in pochi decenni, la massa abbia sovvertito le proprie abitudini, mi meraviglia piuttosto, i dati che dimostrano che l’uomo corre sempre di più e ride o sorride sempre di meno, che cosa sta spegnendo il sorriso agli uomini? Questo è il nuovo impegnativo viaggio che dobbiamo affrontare, magari avvicinandosi con più curiosità alla natura, ritrovando i-sapori e l’allegr­ia di un tempo, che ormai ci sembra preistoria, riscoprendo il sorridente viaggiatore, che è in noi.

 

 

 

 

 

Home